Personal Branding | Cos’è e come raggiungere i tuoi obiettivi professionali

di Rocco Cutrupi Settembre 29, 2020
Personal_branding

Raggiungere i tuoi obiettivi professionali con il Personal Branding | I passi da seguire per fare personal branding in modo efficiente e come modificare l’immagine personale attraverso gli strumenti online/offline 

persona branding

Nell’era sempre più digitale, per raggiungere e stare al passo con il mondo del lavoro i professionisti devono fare Personal Branding. Ma sapete realmente cos’è e come farlo per giungere a quegli obiettivi professionali tanto desiderati?

Ecco, oggi parliamo proprio di questo: come fare personal branding e raggiungere i tuoi obiettivi in 4 semplici mosse.

Ti starai chiedendo perché è così importante fare personal branding per giungere in cima alla lista dei tuoi obiettivi lavorativi? Ebbene, perché fare personal branding significa gestire in maniera strategica la tua immagine professionale: quello che gli altri percepiscono di te e che farà scegliere te al posto di qualcun altro. Ti sembra poco?

Personal Branding | Cos’è e perché funziona

personal branding

Parti dal presupposto che, indipendentemente dal fatto che tu lo voglia o meno, possiedi già un personal brand. Il punto di domanda è se questo è davvero in grado di rappresentare ciò che senti di essere.

Ma prima ancora di arrivare a capire come fare personal branding, cerchiamo di capire cos’è il personal branding.

Quando si parla di Personal branding si fa riferimento a quel complesso di strategie messe in atto per promuovere se stessi, le proprie competenze ed esperienze, la propria carriera alla stregua appunto di un brand. Il personal branding è sfruttato in qualsiasi settore marketing e non è altro che una sorta di marketing personale. 

Fare personal branding è importante per i professionisti attuali perché solo così si potrà promuovere, in modo efficace, il proprio brand e dunque, il proprio lavoro e raggiungere i propri obiettivi!

Qualsiasi azione da te compiuta va, in un modo o in un altro, ad influenzare la tua immagine personale: meeting, CV, profili social, comunicazioni via email, azioni di networking online/offline sono tutti strumenti attraverso i quali avvalori oppure modifichi il tuo personal brand.

Inizia ricercando il tuo nome su Google, sei contento dei risultati di ricerca? Questi restituiscono l’immagine (professionale/personale) di te che vorresti veicolare? 

Se la risposta che ti sei dato è no, allora non devi far altro che “fare personal branding”. Di seguito i 4 passaggi per riuscirci.

LEGGI ANCHE: >>>>>Perché LinkedIn per il Personal Branding

Come fare Personal Branding | I 4 passi da seguire

personal branding

1. Definisci i tuoi obiettivi

Identificare l’obiettivo principale delle tue azioni di personal marketing ti consentirà di sviluppare una strategia davvero in linea con quanto vuoi ottenere.

Quelli da raggiungere possono essere:

In questo primo passaggio devi impostare una strategia per individuare o definire i tuoi punti di forza, quello che ti rende unico e differente rispetto ai tuoi concorrenti e comunicare in maniera efficace 4 cose fondamentali:

  1. cosa sai fare
  2. come lo sai fare
  3. quali benefici porti
  4. perché gli altri dovrebbero sceglierti

LEGGI ANCHE: >>>>Cambiare lavoro | 3 requisiti che ti orientano verso la scelta giusta

2. Identifica il target a cui ti rivolgi

social networking

Prima di effettuare qualsiasi azione di personal branding devi chiarire a te stesso due cose importanti:

  • qual è il mercato verso il quale ti rivolgi. Quindi, devi domandarti quali sono le persone che vuoi raggiungere, quale fetta di mercato vuoi che ti segua e ti conosca come uno dei migliori nel settore.
  • Seconda domanda da porti è cercare sempre di comprendere cosa è davvero importante per loro e quali sono le esigenze a cui tu vuoi dare una risposta concreta.

L’obiettivo finale di qualsiasi operazione di personal branding è riuscire a imprimere nella mente di individui e organizzazioni un’immagine di sé perfetta!

LEGGI ANCHE: >>>> Executive Presence | L’insieme delle qualità magnetiche del Leader

3. Comprendi il tuo personal brand

digital recruiting

Promuovere la tua immagine professionale non sarà possibile se prima non hai le idee chiare su chi sei, quali sono le tue competenze tecniche, capacità personali, obiettivi e impatto che vuoi avere sul mondo esterno.

Rifletti su te stesso e sulle caratteristiche di un influencer/collega a cui ti ispiri. Cerca di individuare le differenze tra di voi e le aree su cui hai bisogno di lavorare per raggiungere i tuoi scopi.

LEGGI ANCHE: >>> Ancore di Carriera: una guida per lo sviluppo professionale

4. Imposta un efficace piano di self-marketing

successo lavoro

Per fare un ottimo personal branding parti dalla visione d’insieme e dall’obiettivo che vuoi raggiungere per poi scegliere su quali canali puntare per raggiungerlo.

LinkedIn, CV, eventi, blogging sono tutti strumenti adatti a supportare le tue attività di personal branding. L’importante è capire a chi questi sono rivolti e qual è l’importanza che rivestono per i tuoi specifici obiettivi.

Questo, per esempio, il self-marketing plan di un IT Project Manager:

E’ uno scheda del tutto orientativo, strumenti e priorità cambiano da profilo a profilo.

Così come sottolineato da questo interessante articolo forbes:

Il concetto di personal branding racchiude proprio l’abilità di costruire la tua immagine e posizionare te stesso come un “prodotto” unico, sia internamente alla tua attuale azienda che nel mercato del lavoro esterno. Prendi il controllo del tuo brand e assicurati che clienti, colleghi o potenziali datori di lavoro ricordino chi sei e cosa puoi fare per loro.

Dobbiamo iniziare a pensare noi stessi come marchi. Chiediamoci cosa vogliamo rappresentare per i nostri lead, una volta stabilito saremo in grado di rafforzare il nostro brand e la nostra strategia di comunicazione sui social media. È importante capire che l’autenticità è fondamentale nell’era digitale e un marchio personalizzato può produrre enormi ROI sia se si sta lavorando con un’organizzazione sia da liberi professionisti.

Tuttavia, risultati rilevanti non possono essere raggiunti se non tramite l’applicazione di una precisa tattica che miri al successo di medio-lungo termine. Le attività di personal branding non possono, infatti, essere improvvisate ma vanno piuttosto pianificate come una vera e propria strategia graduale da implementare nel corso del tempo.

Ed è per tale motivo che dovrai sempre tenere in considerazione quanto segue.

Personal branding | Ecco cosa vogliono i tuoi lead

economia

Clienti privati o aziende che siano, trova il modo di aumentare il valore per i tuoi lead sviluppando contenuti in linea con le loro esigenze.

Così come affermato dal content marketing, un contenuto di valore è quello che aiuta i lettori a risolvere i loro problemi di business. Svolgi un’analisi preliminare su gusti ed esigenze dei tuoi reader, una volta identificato cosa questi potenziali lead desiderano ricevere dal tuo brand potrai essere molto più efficace nel posizionarti sul mercato.

LEGGI ANCHE: >>>>LinkedIn Lead Generation: come promuovere il proprio brand

Raggiungi i tuoi obiettivi comunicando giornalmente

linkedin video presentazione

È molto importante attivare delle attività di comunicazione giornaliere specifiche rispetto all’ambito di appartenenza del nostro target. Condividi su Facebook, Twitter, Instagram, Linkedin etc. per comunicare e far conoscere le soluzioni che sei in grado di offrire.

I social media hanno cambiato il modo di comunicare con gli altri e fare engagement; fai delle attività di condivisione/interazione una prassi quotidiana piuttosto che sporadica. Condividi, commenta e partecipa a discussioni pertinenti con il tuo campo di specializzazione non perdendo mai di vista le esigenze del tuo pubblico.

LEGGI ANCHE: >>>>Come trovare lavoro con i social media

Diventa uno storyteller

computer

Un marchio forte dipende da un’ottima narrazione di sé stesso. In altre parole, qual è la tua storia? Per riuscire alla grande devi mettere a nudo le tue origini in modo da creare partecipazione.

Racconta chi sei, da dove vieni, quali sono i tuoi interessi, cosa vuoi realizzare. Insomma, fare storytelling di te stesso è un ottimo strumento di personal branding perché chi legge può capire chi c’è dietro il tuo nome e decidere che sta cercando proprio te.

Attraverso LinkedIn o tramite altri canali social, fare personal branding online significa programmare ed attuare una strategia in grado di comunicare tutti i tuoi punti di forza.

La parola d’ordine è iniziare a comunicare in modo efficace e raccontare cosa si è in grado di fare, come e con quali benefici. Solo così potete spiegare perché gli altri dovrebbero scegliervi. In caso contrario sarete percepiti soltanto come dei professionisti da scegliere fra molti altri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: >>>>

Hai trovato l’articolo interessante? Migliora la tua ricerca lavoro e il tuo personal branding online leggendo gli altri articoli del blog JobStep.

scritta successo

(Fonte: Forbes.it – personalbranding.it)

Valutazione Gratuita

Richiedi una valutazione del tuo CV e Profilo LinkedIn

Invia adesso il tuo Curriculum Vitae scrivendo a info@jobstep.it oppure prenota una call preliminare, saremo lieti di offrirti un primo feedback gratuito.