Digital Footprint: la guida per migliorare la tua reputazione online

di Rocco Cutrupi Ottobre 1, 2020

Si chiama Digital Footprint ed è noto più semplicemente come “reputazione online”. Cosa c’è da sapere? Come migliorare la tua reputazione in rete e sui social? Ecco alcuni consigli da seguire attraverso una mini-guida pensata ad hoc

impronta

Digital Footprint non è altro che la reputazione in rete che ognuno di noi si crea – volontariamente e involontariamente – on line, attraverso i vari canali Social che si usano di più quali Facebook, Instagram, Twitter, LinkedIn ma, non solo questo, il Digital Footprint è letteralmente l’impronta digitale che si lascia nel mondo virtuale!

Cosa c’è di male? Nulla se sai come gestirla! Ecco perché è fondamentale prestare molta attenzione a ciò che “viaggia” in rete, dalla geolocalizzazione alle foto postate ma anche ai tag di amici e conoscenti.

Tutto, insomma, “fa brodo” e per un professionista o, semplicemente, per te che sei alla ricerca di una nuova posizione lavorativa, avere una Digital Footprint eccellente è indispensabile. Scopriamo, quindi, come tutelare la Digital Footprint mettendo in atto alcuni piccoli accorgimenti. 

Leggi anche: Cambiare lavoro | 3 requisiti che ti orientano verso la scelta giusta

Digital Footprint: la definizione da conoscere

mondo digital

Con il termine digital footprint ci si riferisce all’insieme delle tracce che si lasciano in giro per il web quando si naviga tra i vari siti e tutte quelle informazioni che sveli inconsapevolmente su di te, che lasciano, involontariamente, un’impronta digitale.

Un esempio pratico? Pensa a tutte quelle volte in cui, con leggerezza e poco pensiero critico, hai scritto pubblicamente su Facebook un commento poco carino o hai pubblicato, senza pensare alle conseguenze, una tua foto privata su Instagram. Ecco, questo genere di azioni leggere potrebbero costarti caro perché tali contenuti, una volta condivisi, vengono tracciati, conservati e vanno costituire la tua digital footprint e, di conseguenza, anche la tua reputazione online.

Dunque, soltanto quando avrai ripulito la tua Digital Footprint potrai essere davvero sicuro di avere una buona reputazione online che avvalori il tuo profilo agli occhi di recruiter e clienti.

Leggi anche: Come scrivere un ottimo CV leggibile dai Software ATS in 3 passaggi

Digital Footprint: come ripulire la reputazione online – la guida

cv software ats

Ricordiamo che la digital footprint, una volta creata, è difficile da cancellare poiché in rete e nel web ciò che entra difficilmente esce! Ma questo non vuol dire che sia tutto perso, vi sono dei piccoli accorgimenti, consigli pratici da mettere in pratica prima che un contenuto arrivi online.

Tra queste azioni, ciò che puoi fare sarà:

  • evitare di condividere con troppa libertà informazioni private, foto di minori e altri contenuti che possono compromettere la tua reputazione
  • evitare di geolocalizzarsi quando si pubblicano foto private sui social o controllare periodicamente se sul web appaiono nuove informazioni che ti riguardano
  • pulisci a fondo i tuoi social: quindi, elimina foto vecchie o di cattivo gusto, ricordando di eliminare anche i tag e i commenti
  • reimposta la privacy dei tuoi Social: in questo modo potrai accertarti che solo una ristretta cerchia di amici possa vedere ciò che condividi. Se invece, scegli di mantenere delle impostazioni più ampie, bada bene alle pagine che segui e, soprattutto, restringi la possibilità data ai tuoi contatti di taggarti o scrivere/condividere sulla tua bacheca.

Leggi anche: Personal Branding | Cos’è e come raggiungere i tuoi obiettivi professionali

L’importanza di comunicare professionalmente la tua immagine web

social networking

Una delle cose da tenere molto in considerazione quando si tratta di Digital Footprint è cosa si scrive e come lo si scrive. In poche parole, la grammatica è importante anche per comunicare professionalmente un’immagine di te che sia al top.

Dunque, leggi e rileggi ogni singola comunicazione (nonché articolo pubblicato se hai un blog) per assicurarti che non ci siano errori grammaticali. Utilizza un indirizzo email che contenga soltanto nome e cognome o al massimo delle varianti di questo. Confronta sempre ciò che asserisci nel tuo CV/Profilo LinkedIn con le altre informazioni disseminate sul web al fine di evitare conflittualità ed incoerenze.

Soltanto quando avrai ripulito la tua Digital Footprint potrai essere davvero sicuro di avere una buona reputazione online che avvalori il tuo profilo agli occhi di recruiter e clienti. Fare in modo che internet sostenga il tuo personal brand piuttosto che screditarlo è di fondamentale importanza sia per coloro in cerca di lavoro che per i professionisti felicemente occupati. Ricorda, pertanto, di controllare mensilmente le tracce che lasci sul web e abbi sempre piena consapevolezza della visibilità a cui ogni tua azione è esposta.

Leggi anche: LinkedIn | I 10 consigli per scrivere un profilo efficace

Cosa sa il web su di te? Le linee guida per scoprirlo e gestire la Digital Footprint

digital recruiting

Esistono vari modi per scoprire cosa conosce di te il web. Di seguito, scopriamo come esaminare e gestire le informazioni raccolte da specifici siti.

Come prima cosa, prendi nota di ciò che viene visualizzato su Google, assicurandoti di fare clic oltre la prima pagina e annotare eventuali siti web che potresti dover controllare in seguito (ad esempio, la pagina Facebook che non usi regolarmente).

Successivamente, utilizza il Salt Social Profile Checker per rintracciare tutto ciò che potresti esserti perso. Questo è un servizio sicuro che utilizzerà il tuo nome, oltre a varie keywords associate al tuo nome, per cercare su Google, Google Immagini e circa 200 piattaforme social.

Ricorda se trovi un account social che non utilizzi ma che è ancora attivo, il modo più efficiente per “gestire” tale account è chiuderlo semplicemente!

Cosa devi sapere ancora? Google sa cosa hai fatto l’anno scorso e sa cosa fai ora. Questa non è “magia nera” ma semplicemente Google raccoglie informazioni su ciò che cerchi, dove vai, come suona la tua voce (se parli con dispositivi Android), cosa guardi su Youtube, quali siti web visiti mentre sei connesso a Google e molto altro ancora.
C’è, però, una buona notizia: per fortuna, i reclutatori non saranno in grado di accedere a tutte queste informazioni. Tuttavia, saranno in grado di vedere le stesse cose che hai trovato cercando il tuo nome.

Dunque, se pensi che ci sia qualcosa che metterà a repentaglio le tue possibilità con un datore di lavoro abbastanza intransigente, hai essenzialmente due opzioni:

  1. Puoi contattare il webmaster del sito su cui sono ospitati i dati incriminanti.
  2. Puoi contattare Google stesso, ma solo se i dati in questione sono coperti dalle Norme per la rimozione di Google.

Leggi anche: Executive Presence | L’insieme delle qualità magnetiche del Leader

Reputazione online negativa: cosa puoi fare?

digital footprint

Cosa succede se dovessi renderti conto di avere un’impronta digitale negativa? E se i datori di lavoro vedessero il tuo nome allegato a un post sul blog imbarazzante che non potrai mai rimuovere, oppure una notizia che non dipinge il meglio di te?

Ti trovi in ​​una situazione non proprio idilliaca, questo è innegabile, ma ci sono ancora cose che puoi fare per riprendere il controllo della tua digital footprint.

  • hai trovato un aspetto della tua persona online negativo e destinato a essere trovato da datori di lavoro esperti? Quello che puoi fare è affrontarlo direttamente o indirettamente mentre costruisci la tua reputazione positiva (ad esempio su LinkedIn o sul tuo sito web personale)
  • Dimostra che non sei la stessa persona che ha fatto un commento sconsiderato in rete più di dieci anni fa
  • Ammetti di aver commesso un errore, ma sottolinea di aver imparato da esso. La tendenza a commettere errori è umana e per questo perdonabile; ma la determinazione ad ignorare o a negare tali errori o non imparare nulla da loro non ti farà apprezzare dai reclutatori
  • Produci contenuti positivi a intervalli regolari. Questo ti aiuterà perché i motori di ricerca come Google tendono ad assegnare livelli più alti ai contenuti più recenti così come ai contenuti che generano coinvolgimento (sotto forma di visualizzazioni di pagina o commenti). Dunque, inizia a postare quotidianamente contenuti positivi e professionali, magari su LinkedIn
  • Infine, se hai davvero bisogno di una mano per gestire la tua Digital Footprint, ci sono varie agenzie specializzate nell’aiutare le persone a darsi una spinta positiva online. Ma queste hanno dei costi, dunque, a meno che tu non abbia davvero commesso errori enormi e grossolani, il consiglio è quello di applicare le regole della guida che ti abbiamo esposto finora.

Se vuoi rimanere aggiornato sul mondo del lavoro o cerchi una consulenza professionale visita il nostro sito JobStep.it

facce

Leggi anche: LinkedIn: sicuro di avere il profilo giusto? Ecco come farsi notare

(fonte: gradaustralia.com.au)

Valutazione Gratuita

Richiedi una valutazione del tuo CV e Profilo LinkedIn

Invia adesso il tuo Curriculum Vitae scrivendo a info@jobstep.it oppure prenota una call preliminare, saremo lieti di offrirti un primo feedback gratuito.