Competenze a T: la marcia in più che fa la differenza sul lavoro

di Maria Teresa Bianco Dicembre 7, 2020
Soft skills

Possedere delle Competenze a T sul lavoro offre al professionista quella marcia in più che fa la differenza. Ma chi sono le persone che hanno le T-Shaped skills e qual è la differenza con il modello I-Shaped?

Avere delle competenze a T sul lavoro non è altro che essere capaci di fare più cose ma eccellere su di una. Come ha sintetizzato Jason Yip, Senior Agile Coach per Spotify:

“Essere a forma di T significa essere capace in molte cose ed esperta in almeno una”.

Dall’università ci è stato inculcata l’idea che specializzarsi in una solo disciplina avrebbe reso il nostro futuro professionale migliore in quanto specialisti ma, perché dobbiamo essere esperti solo in una determinata disciplina? E se dedicassimo del tempo per studiare e conoscere anche altri argomenti che ci interessano?

Questo sarebbe solo una perdita di tempo oppure potrebbe darci una marcia in più rispetto agli altri? In sostanza, essere T-Shaped rispetto ad essere I-Shaped farebbe la differenza? Scopriamolo.

Cosa vuol dire avere competenze a T

competence

Quante volte avrai sentito dire la frase: “specializzati in un determinato campo ma cerca di avere un’infarinatura generale”.

Ma se nella vita servissero entrambe le cose? Questo è quello che viene chiamato modello a T, che racchiude una serie di abilità, chiamate appunto competenze T-Shaped.

Possedere delle competenze a T, oggigiorno, è sempre più importante. Il mondo del lavoro si sta modificando ad una velocità spaventosa e adeguarsi ad esso comporta avere delle conoscenze in molti ambiti diversi.

Quindi, possedere le T-Shaped skills ti aiuterà non solo a trovare lavoro, ma anche a mantenerlo. Moltissimi recruiter oggi, cercano sempre più professionisti che non solo sono specializzati nel proprio settore, ma che abbiano anche conoscenze in altri campi e che sappiano sfruttarle al meglio.

Leggi anche: Ottieni il lavoro dei tuoi sogni in 7 step

Le 3 caratteristiche della persona T-Shaped

competenze a T

Il T-Shaped è il professionista che possiede una specializzazione in un unico campo, ma ha anche a disposizione una serie di altre conoscenze. Essere esperto in un ambito ti permette di svolgere il tuo lavoro nel migliore dei modi, ma se sei in grado di sfruttare anche altre competenze – soft skills e hard skills – potrai soddisfare a pieno le richieste per i lavori che ti vengono commissionati.

Quindi, mira ad aggiungere importanti dettagli che possono migliorare il risultato finale del tuo incarico, nonché ad avere ottimi rapporti con colleghi e manager. Le persone T-Shaped posseggono 3 caratteristiche:

  • capacità comunicativa: che gli permette di comunicare con qualsiasi membro del team, adottando scambi di informazioni chiari e precisi;
  • empatia: sono in grado di capire le difficoltà che si devono affrontare in ogni ruolo e possono aiutare a tenere alto il morale del team nei momenti più difficili;
  • problem solving: sono persone con cui puoi dialogare su un argomento e finire per trattare tutti i temi collegati ad esso. Hanno la capacità di osservare i problemi da diverse prospettive e trovare la soluzione giusta.

Modello T-Shaped e Modello I-Shaped: le differenze

competenze a T

Il modello T-Shaped (letteralmente forma a T) ha una marcia in più perché possiede quelle competenze trasversali utili al professionista per distinguersi dalla massa. La “T” rappresenta bene la fusione fra due grandi rami di competenze umane, le cosiddette hard skills (competenze tecniche) e le soft skills (competenze trasversali).

L’elemento verticale rappresenta una conoscenza specifica e approfondita, mentre quello orizzontale sta ad indicare l’insieme delle competenze trasversali.

È stata scelta la  lettera “T” per definire in maniera visuale il tipo di conoscenze che queste persone hanno. Quindi, la linea verticale della lettera “T” rappresenta la specializzazione di una persona su un determinato argomento, mentre, la linea orizzontale raffigura le competenze trasversali e tutti quegli argomenti in cui una persona è competente, ma non esperta.

Il modello I-Shaped, invece, è rappresentato dalla sola linea verticale, lettera “I”, che sta a significare un’unica e determinata competenza in un campo. Dunque, significa essere esperti in una sola cosa e non avere nessuna conoscenza su altri temi, nemmeno a livello basico.

Competenze a T: ecco perché le aziende vogliono persone così

parlare

Le persone con competenze a T risultano essenziali all’interno di un team di lavoro per diversi vantaggi che questi portano in un ambiente lavorativo. Il professionista che ha sviluppato queste competenze trasversali è una risorsa preziosa per un team professionale perché capace di adattarsi e svolgere diversi compiti e di ‘collegare’ tutti i membri della squadra per favorire il team working.

In particolare, i recruiter cercano persone che abbiano sviluppato queste competenze:

  • migliori capacità di collaborazione in team;
  • mentalità più flessibile;
  • abilità nel destreggiarsi fra le varie competenze e saperle usare quando richieste;
  • crescita del pensiero laterale;
  • capacità di problem solving;
  • proattività;
  • abili comunicatori;
  • maggiore assertività;
  • capacità di leadership;
  • maggior produttività.

Leggi anche: L’intelligenza emotiva sul lavoro | Come sfruttarla per avere successo

Come sviluppare competenze a T: 5 consigli

competenze a T

Per sviluppare competenze a T bisogna passare dalla specializzazione su un tema all’allargamento delle competenze. Certo, non è facile come sembra poiché tale approccio va a stravolgere quello a cui la società e l’ambito di studi ci ha abituati a considerare come unico modello da seguire.

Ma, il mondo è in continuo mutamento e così il lavoro e lo sviluppo delle competenze richieste. Aspirare a diventare un lavoratore o T-Shaped manager significa avere voglia di essere in costante aggiornamento e apprendimento. Solo in questo modo potrai creare la tua formazione trasversale. Di seguito 5 consigli pratici.

  1. Chiediti dove vuoi specializzarti: ti sembrerà banale ma è proprio da lì che devi iniziare per poi sviluppare tutte le altre competenze.
  2. Identifica le tue Soft Skills: cerca progetti, stage, qualsiasi cosa ti possa essere utile a diventare un buon leader, un ottimo team worker e un grande problem solver. Se, invece, sei già un lavoratore, allena le tue soft skills interagendo con il team working, apprendi dai tuoi colleghi tutto ciò che tu non hai, in uno scambio comunicativo reciproco.
  3. Scegli delle Hard Skills precise e mantieniti in costante aggiornamento sulle evoluzioni di queste ultime.
  4. Sviluppa un rapporto di mentoring con un collega o un amico che è specialista nella disciplina che ti interessa. Questo può migliorare anche la tua capacità di collaborazione.
  5. Specializzati. Devi essere uno specialista di un determinato settore. Cerca di capire qual è la tua passione, trova il campo in cui vorresti lavorare e inizia a studiare e ad informarti sempre più.

Se desideri dare una svolta alla tua carriera lavorativa oppure hai bisogno di una consulenza professionale clicca su – JobStep.it

Leggi anche:>>>>

Valutazione Gratuita

Richiedi una valutazione del tuo CV e Profilo LinkedIn

Invia adesso il tuo Curriculum Vitae scrivendo a info@jobstep.it oppure prenota una call preliminare, saremo lieti di offrirti un primo feedback gratuito.