Come trovare lavoro all’estero: 4 modi per riuscirci

di jobstep Aprile 16, 2024
Lavoro all'estero

Sono oltre 6 milioni gli italiani che lavorano all’estero. Se anche tu vuoi trovare lavoro fuori dall’Italia ma non sai da dove iniziare, ecco i consigli da non lasciarsi sfuggire

Sono per lo più giovani italiani dai 18 ai 35 anni ma negli ultimi anni la fascia d’età è aumentata notevolmente abbracciando anche gli over 35. Parliamo di lavoratori che hanno deciso di buttarsi sul mercato lavorativo estero. Un’opportunità che a molti ha cambiato la vita; mentre per altri una parentesi che ha, però, arricchito il proprio bagaglio professionale e ha permesso di ritornare in Patria con una marcia in più.

Quale che sia il motivo, lavorare all’estero è una scelta che racconta quanto si è determinati a trovare la giusta via nella vita. Per trovare lavoro all’estero però è bene tenere in considerazione alcuni fattori che differenziano il mercato del lavoro italiano da quello dei paesi esteri, ed è necessario sapere come muoversi in un contesto culturale diverso. Ma da dove partire per trovare lavoro all’estero? Ecco 7 modi che ti daranno lo spunto (e la spinta) giusta per partire con il piede giusto.

Cosa sapere prima di trovare lavoro all’estero

Secondo una stima di Confindustria sono ben 6 milioni gli italiani che lavorano all’estero. Se anche tu hai intenzione di cambiare drasticamente il tuo modo di lavorare indirizzando la tua ricerca di lavoro all’estero ti spieghiamo da dove partire ma prima di iniziare devi sapere che per lavorare al di là del confine italiano, le competenze propriamente “tecniche” –  hard skill –  ovvero: titolo di studio ed esperienze lavorative pregresse,  spesso da sole non sono sufficienti.

È di fondamentale importanza, non scontata ovviamente, possedere una conoscenza fluente non solo dell’inglese ma anche della lingua del paese in cui ci si vuole trasferire. Se si ha un’infarinatura è, dunque, consigliabile migliorare la lingua magari seguendo corsi di aggiornamento, letture e un training intensivo nei mesi che precedono la partenza.

Da dove iniziare: CV e cover letter

cv in inglese per lavorare all’estero

I primi step per riuscire a trovare lavoro all’estero è preparare un Cv in inglese  e una cover letter, ovvero una lettera di presentazione. Questi due elementi confezionati ad hoc per ogni specifica azienda a cui invierai la tua domanda, saranno inizialmente i tuoi più grandi alleati.

Il passo successivo una volta creato il curriculum in lingua inglese è quello di caricarlo sui siti di recruiting locali. Prima di iniziare a scrivere il tuo CV ricordati però di informarti sul format di curriculum più diffuso nel paese dove vorrai indirizzare la tua candidatura.

Studia il trend del mercato locale

Se conosci già il paese dove inviare la tua candidatura quello che devi fare è studiare i trend di recruiting locali. Quindi, cerca di capire quali informazioni vengono considerate come più rilevanti sul curriculum tra skills, esperienze e formazione, e quali tipologie di colloquio sono più comuni in quel dato paese.

lavorare all’estero come fare

Un modo per studiare bene i trend locali è quello di sfruttare al meglio le potenzialità dei motori di ricerca. Sono molti i siti di annunci di lavoro ma devi sapere che alcuni di questi guardano al mercato globale del lavoro. Ovviamente devi prima avere ben chiaro in mente: cosa vuoi; cosa puoi fare e dove e puoi andare.

Individua le aziende in cerca di candidati e le opportunità di lavoro attive su siti aziendali, in modo particolare nella sezione Careers, portali, siti di agenzie per il lavoro, sezioni dedicate sui siti degli atenei stranieri, senza trascurare la ricerca di lavoro tramite social network professionali.

Sfrutta i social network

scritta linkedin
LinkedIn per lavorare all’estero(pixabay)

Non dimenticarti di curare la tua reputazione digitale prima di iniziare la tua ricerca del lavoro all’estero tramite social network. Le aziende valuteranno non solo il tuo CV ma anche i tuoi profili social. Usa e sfrutta al meglio LinkedIn considerato uno dei social per antonomasia dedicato proprio al mondo del lavoro.

Valuta sul tuo profilo social in quesitone la tua pagina e metti ordine a competenze ed eventuali esperienze di lavoro prima di fare networking. Poi contatta direttamente i responsabili delle human research delle aziende che ti interessano, a seguire gli annunci di lavoro. Mentre se il genere di lavoro che stai cercando è più di tipo creativo, puoi anche valutare altri social come Instagram o Facebook. 

La rete di contatti personali e l’Università

Colloquio e stretta di mano

Riprendere la rete di contatti personali come ex colleghi di lavoro e professionisti anche internazionali conosciuti nel corso di precedenti esperienze formative e professionali ti aiuteranno molto nel raggiungere il tuo traguardo, poiché, in alcuni casi possono costituire un importante bacino al quale attingere per conoscere offerte in linea con il proprio profilo.
Non sottovalutare allo stesso modo il tuo percorso di studi. Le università, per esempio, spesso hanno degli sportelli Career, o delle bacheche dove si possono trovare annunci di lavoro dall’estero. Se sei alla prima esperienza la tua ex scuola-università può aiutarti a trovare uno stage anche all’estero.

Per ciò che concerne il percorso di studi universitari, se ancora sei uno studente in procinto di laurearsi, sviluppare una tesi di laurea presso una azienda estera potrebbe essere un’idea molto furba da prendere in considerazione se si decide, una volta concluso il percorso universitario, di trasferirsi all’estero e iniziare una carriera lavorativa oltre frontiera.

Trova il lavoro dei sogni senza dimenticare che…

Come riportato sul sito ufficiale dell’Unione Europea nella sezione “lavoro”, se stai cercando un lavoro, che sia la tua prima esperienza formativa o un salto di qualità professionale dopo anni di lavoro in Italia, devi sapere che nei Paesi dell’UE puoi ottenere un lavoro che ti piace senza rinunciare mai a un salario adeguato e alla possibilità di crescita.

In questo caso l’UE vuole assicurarsi che tu abbia gli strumenti e l’assistenza necessari per costruire il tuo futuro. Puoi lavorare in diversi Paesi europei continuando a godere dei tuoi diritti di sicurezza sociale.

  • servizi per l’impiego nazionali offrono supporto tramite una gamma di attività come servizi di inserimento lavorativo, orientamento professionale, coaching e programmi di formazione. Se hai bisogno di consigli su come trovare il tuo lavoro ideale in un altro Paese dell’UE, puoi per esempio rivolgerti ai consulenti di EURES, specialisti/e del mercato del lavoro europeo che supportano chi cerca lavoro nonché datori e datrici di lavoro.
  • Sulla piattaforma EURES verifica le quasi 4 milioni di proposte lavorative attive e quella che faccia al caso tuo.
  • Se stai valutando di lavorare all’estero ma hai bisogno di aiuto, dai un’occhiata all’EURES Targeted Mobility Scheme.
  • Sia online che direttamente nei Paesi dell’UE le Giornate europee del lavoro ti daranno la possibilità di incontrare potenziali datori di lavoro e ricevere consigli pratici su come vivere e lavorare all’estero.
  • Europass ha molti strumenti utili per accompagnarti in ogni passo del tuo percorso di formazione e della tua carriera, compreso aiutarti a creare un CV e una lettera di presentazione.
  • Per prepararti ai cambiamenti e alle nuove opportunità dovute alla transizione digitale ed ecologica, il Fondo sociale europeo Plus (FSE+) fornisce finanziamenti agli Stati membri per aiutarti ad acquisire le competenze necessarie per un lavoro di qualità.
  • Per gli under 30 dare uno sguardo alla Garanzia giovani, ovvero l’iniziativa UE per aiutare le persone a ricevere offerte di impiego, formazione, apprendistato o tirocinio concrete e di qualità entro 4 mesi dalla fine del ciclo di istruzione o della perdita del lavoro è un aiuto prezioso da non lasciarsi scappare.
  • Grazie ad ALMA i giovani tra i 18 e i 29 anni, possono iniziare una percorso lavorativo attraverso un’esperienza finanziata di 2-6 mesi in un altro Paese UE con il supporto di un mentore. Perché rinunciarci!

LEGGI ANCHE: >>>>

 

Se desideri dare una svolta alla tua carriera lavorativa oppure vuoi sviluppare le tue soft skills, scopri i servizi di coaching dedicati al tuo profilo – Executive Coaching JobStep

Valutazione Gratuita

Richiedi una valutazione del tuo CV e Profilo LinkedIn

Invia adesso il tuo Curriculum Vitae scrivendo a [email protected] oppure prenota una call preliminare, saremo lieti di offrirti un primo feedback gratuito.